Addio Shiva, la storia della tigre di Re Ezekiel

Shiva era una creatura realizzata con mostruosi effetti speciali, eppure la sua presenza in The Walking Dead non è passata inosservata e non certo per le dimensioni. La tigre era l’animale domestico di Re Ezekiel, il leader del regno, ma tutti le volevano bene, anche Carol e Jerry. Leggendo i commenti su Facebook abbiamo capito che la sua morte è stata sconvolgente almeno quanto quella di Glenn e altri personaggi amati dal pubblico. Probabilmente nemmeno noi ci saremmo mai potuti avvicinare a Shiva perché solo Ezekiel poteva prendersene cura e accarezzarla, nemmeno Carol e Jerry osavano tanto.

La prima volta che Shiva è arrivata a The Walking Dead era il 2013 e precisamente nel numero 118 del fumetto. La tigre, nata in cattività, è stata accolta da Ezekiel sin da quando era un cucciolo e da quel momento non si sono mai separati. Alcuni uomini del Regno la portavano a spasso con una spessa catena che faceva da guinzaglio ma rispondeva solo agli ordini del suo padrone. Il legame tra i due è lo stesso nel fumetto e nella serie anche se nella trasposizione televisiva manca il racconto di Ezekiel attaccato da Shiva mentre cercava di salvarle la vita. Purtroppo la fedele tigre è stata uccisa da un gruppo di zombie e restituisce il favore ad Ezekiel perché grazie al suo sacrificio è ancora vivo.

Il legame tra Shiva ed Ezekiel è particolare perché gli esseri umani tendono a legarsi agli animali quando rimangono da soli. Prima di incontrare altre persone nel mondo sconvolto dall‘apocalisse zombie, Ezekiel si è imbattuto in Shiva e l’ha scelta come compagna di viaggio, lo proteggeva e gli infondeva quel coraggio che gli è servito per guidare una comunità. Solo ai nemici non piaceva Shiva e ne erano intimoriti e chi sperava che avrebbe sbranato Negan rimarrà deluso. Ci mancherai Shiva!


Informazioni su Flavia Montanaro 1061 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi