Ascolti in calo per la premiere di The Walking Dead 8: lo show rinnovato

The Walking Dead 9 ci sarà! In queste ore si è diffusa la notizia che lo show AMC basato sui fumetti di Robert Kirkman è stato rinnovato nonostante gli ascolti di Mercy non siano positivi. L’ottava stagione si concentrerà sulla guerra contro Negan e i Salvatori quindi è probabile che nella nona stagione arriveranno dei nuovi nemici che i lettori del fumetto conoscono molto bene.

Non ci concentriamo sul futuro dello show AMC ma sul presente, dati alla mano, la premiere di The Walking Dead 8 è stata la meno vista di sempre. I dati diffusi da Variety (ovviamente) non possono tenere conto anche dei telespettatori italiani ma riguardano quelli di AMC. A quanto pare Mercy è stato seguito da 11,7 milioni di persone mentre lo scorso anno ben 17 milioni di telespettatori si erano posizionati davanti allo schermo per scoprire cosa sarebbe successo ai sopravvissuti e chi sarebbe morto per mano di Negan. Precisiamo che questi dati sono comunque molto alti se paragonati ad altri show ma sono inferiori per esempio a quelli di Game of Thrones, serie rivale di The Walking Dead dal punto di vista dello share.

Ormai sono otto anni che The Walking Dead si “trascina”, e spesso anche noi abbiamo espresso delle critiche, il brusco calo d’ascolti non può più essere ignorato dai produttori e da AMC che sperava in risultati ben diversi. Leggendo i vostri commenti sulla pagina Facebook è chiaro che quanto sta accadendo è dovuto alla storyline troppo ripetitiva, non ci sono elementi di novità e se dobbiamo dirla tutta, nella premiere di The Walking Dead 8 alcuni dialoghi erano inutili. L’episodio 100 però ci era stato presentato come “celebrativo” a differenza del primo della scorsa stagione. Non c’era l’effetto cliffhanger che spingeva a guardare lo show, il non finale è un’arma a doppio taglio: da una parte i fan sono arrabbiatissimi, dall’altra non perdono la curiosità. I numeri parlano chiaro. Ci viene il dubbio che i produttori stiano cedendo alle richieste del pubblico e abbiamo paura a prendere delle decisioni impopolari come far uscire di scena alcuni dei personaggio più amati. Noi come sempre continuiamo a dare fiducia a Robert Kirkman e speriamo che questa guerra totale rivoluzioni il corso della storyline.


Informazioni su Flavia Montanaro 1279 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi