Cosa fare in caso di epidemia zombie

zombie

The Walking Dead è una serie televisiva che continua ad avere successo nonostante sia giunta alla quinta stagione. Il pericolo di un’epidemia zombie reale ha interessato molte esercitazioni e ricerche scientifiche.

Nel 2009, l’esercito degli Stati Uniti, venne addestrato a far fronte alle calamità naturali utilizzando gli zombie. Recentemente presso la Cornell University un gruppo di epidemiologi si è servito degli zombie per capire quali strategie possono essere utili in caso di epidemie. I risultati saranno presentati durante l’importante meeting American Physical Society che si terrà il prossimo 5 Marzo. Questo progetto di ricerca potrebbe essere paragonato a quelli dei film di fantascienza, eppure uno dei ricercatori ha spiegato che riproducendo un’epidemia zombie in laboratorio, è possibile studiare le tecniche utili per intervenire sulle malattie vere. Se pensiamo al virus ebola, difficilmente riusciamo a capire cosa c’entri con gli zombie. Il team di esperti però assicura che per prevedere l’esito dell’epidemia zombie sono state create numerose simulazioni al computer.

La popolazione americana è composta da circa 300 milioni di persone, le interazioni possibili tra persone sane, persone infette e zombie sono infinite: lo zombie che attacca una persona sana, la persona sana che uccide lo zombie, la persona infetta che incontra quella sana, eccetera. Tutte queste interazioni sono state trattate calcolando l’emivita [“Parametro farmaceutico che indica il tempo richiesto per ridurre del 50% la quantità di un farmaco nel plasma o nel siero” cit. Wikipedia].

Gli zombie attaccano prima le città

Dopo essere stati impegnati con la risoluzioni di un gran numero di equazioni differenziali, il gruppo di ricercatori ha finalmente creato un modello realistico che ribalta anche alcune teorie presenti in film o romanzi secondo cui l’epidemia zombie in una nazione si espande sempre nello stesso modo. Le zone scarsamente popolate potrebbero essere contagiate anche dopo molti mesi, ma quelle nei pressi di grandi centri urbani sarebbero presto debellate dai non morti.

Il lavoro di ricerca continua, ma il messaggio è chiaro: in caso di epidemia zombie preparatevi al peggio!


Informazioni su Flavia Montanaro 1094 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

1 Commento

Rispondi