Fear The Walking Dead 4×14 trama dettagliata MM54

MM54 è il titolo del nuovo episodio di Fear The Walking Dead 4. Ci avviamo verso le battute finali di questa stagione che sarà ricordata soprattutto per il crossover con la serie principale e con l’introduzione del personaggio di Morgan. L’episodio MM54 di Fear The Walking Dead 4 scritto da Anna Fishko e Shintaro Shimosawa e diretto da Lou Diamond Phillips inizia con un flashback che ha come protagonisti Martha e il marito Hank coinvolti in un incidente. L’uomo è ferito e la donna cerca di fermare i passanti ma nessuno le presta attenzione, si siede vicino alla macchina e ad un certo punto vede qualcuno che si avvicina: è un vagante. Martha lo uccide mentre le condizioni di Hank peggiorano. L’uomo muore e si trasforma, quindi lei è costretta ad abbatterlo e impazzisce. Molto tempo dopo, un uomo di nome Stevie, sta sistemando una cassetta con una nota, Martha si avvicina e lo uccide. Da quel momento inizia la caccia i camionisti. Un giorno fa un’imboscata a Purvis per conoscere chi era Polar Bear.

Fear The Walking Dead 4, Martha nuovo pericolo

Si torna al presente, Morgan e gli altri cercando di rialzarsi dopo gli spari, i barili stanno perdendo carburate e devono scendere subito dal camion. Il furgone della SWAT si dirige minacciosamente verso di loro, si ferma e spunta Martha che rilascia Quinn trasformato. Il vagante si avventa su June. Wendell spara a Martha e Mogan abbatte Quinn. Il camion esplode e il rumore attira un branco di non morti dal bosco. Il gruppo fugge via mentre Martha ride e sale sul furgone della SWAT. Passano alcune ore, Alicia e Charlie vedono i resti carbonizzati dei vaganti e dopo aver consultato una mappa si dirigono verso est.

June vuole controllare le ferite di tutti, Morgan vede il cartello dell’ospedale e suggerisce di andare in quella direzione, ma Jim mette in discussione la sua leadership e non vuole seguirlo. Cambia idea solo quando vede la mandria di zombie che si dirige verso il gruppo. Morgan sorveglia l’ingresso della struttura e usa dei mobili per barricarlo. June si occupa dei feriti mentre Al, Sarah e Wendell trovano delle radioline. Un tempo Wendell era una marines ma era stato respinto dopo la paralisi che lo aveva costretto sulla sedia a rotelle.

L’ospedale di vaganti di Fear The Walking Dead 4

La scena si sposta su Alicia e Charlie che sono da sole e rimangono a secco, abbandonano la macchina e camminano per alcuni chilometri. A questo punto Alicia confessa a Charlie che vuole portarla a Galveston per vedere il mare e che non sta cercando il resto del gruppo. All’ospedale invece Jim ringrazia Morgan per averlo aiutato ma gli zombie distruggono la barricata e corrono via, cercando di avvertire tutti di salire sul tetto. Arrivano su un piano dove non ci sono zombie, Al e Sarah si trovano insieme e lei dice che ha lasciato i marines dopo che avevano trattato male Wendell. Morgan avvisa tutti via radio che il tetto è crollato su una tromba della scale, e Luciana dice al gruppo che la barricata non può durare a lungo, così Morgan invita il gruppo a prendere l’ascensore. Al e Sarah sono impegnate a cercare il generatore ma i vaganti sorprendono Morgan e Jim. Sarah tramite radio informa tutti che hanno trovato i generatori e Al le dice di raggiungere Wendell mentre lo attiva. Il gruppo entra nell’ascensore e sale sul tetto, tranne Al. Cercano di contattarla ma non risponde. La scala antincendio è rotta. June controlla le ferite di Jim, è stato mordo alla schiena. Rassicura Morgan: troverà un modo per farli uscire.

Charlie e Alicia invece sono sempre nel bosco e la ragazzina dice che vuole trovare Morgan e gli altri. Alicia però insiste perché vuole che lei veda qualcosa di bello, ad un certo punto sentono il rumore dell’acqua: è un lago creato dall’alluvione. Charlie trova il cappello di John e dopo aver guardato lo specchio d’acqua sorridono.


Informazioni su Flavia Montanaro 1213 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi