Fear The Walking Dead: fenomenologia dello spin off dei record

fear the walking dead

Lo abbiamo detto ieri: Fear The Walking Dead è una serie da record. Tanto che appare quasi ridicolo parlare di spin off. Però il suo successo è dato dal fatto che ha dato un valore aggiunto a The Walking Dead che inizia ad accusare i colpi tipici della longevità seriale. Sulla nostra pagina ci sono tantissime teorie e molti fan italiani di The Walking Dead hanno trovato lo spin off troppo lento e noioso. Tra le varie critiche però ci piace la propositività generale del tipo: aspettiamo la seconda puntata e vediamo come va. Vi ricordiamo che la prima stagione di Fear The Walking Dead è composta da sei episodi e che vedremo la genesi dell’apocalisse zombie attraverso gli occhi dei componenti di una famiglia tutt’altro che unita. Gran parte del successo della prima puntata di Fear The Walking Dead è dato dall’interpretazione di Frank Dillane, il tossico Nick Clark che è stata semplicemente perfetta!

Fear The Walking Dead non è solo un racconto ma vuole far vivere agli spettatori le stesse situazioni degli attori. Per esempio quanti di voi sarebbero rimasti in chiesa piuttosto che fuggire via come Nick quando ha visto Gloria che “faceva colazione”? Su Comingsoon è stata pubblicata un’intervista ai protagonisti dello spin off in cui si evince proprio questa peculiarità di Fear The Walking Dead. Come sostiene Cliff Curtis, il tema dell’apocalisse è molto potente anche se si avverte una chiara intenzione a cancellare l’umanità.

Una cosa è certa, il confine tra realtà e fantasia è sempre più sottile perché pur non conoscendo le origini di questo strano virus è chiaro che si tratta di un’invenzione umana e non di qualcosa di sovrannaturale. Robert Kirkman non ha alcuna intenzione di svelare come è stato diffuso però da quando abbiamo conosciuto Gloria, il paziente 0, si sono sprecate le teorie. Nel prossimo post inseriremo tutte le vostre, quindi continuate a commentare sulla pagina Facebook.


Informazioni su Flavia Montanaro 1181 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi