Fear The Walking Dead: il video della webserie Flight 462 – part 2

flight 462

Durante la puntata domenicale di The Walking Dead 6, è andata in onda la seconda parte di Flight 462, la web serie di Feart The Walking Dead ad alta quota in cui conosceremo un nuovo personaggio che farà parte del cast della seconda stagione. Per chi si fosse sintonizzato su questi schermi la prima volta, ricordiamo che Fear The Walking Dead è lo spin off di The Walking Dead, la prima stagione è andata in onda a fine agosto su AMC (in Italia i diritti li aveva acquisiti Horror Channel, ma ha chiuso). L’origine dell’epidemia zombie non è stata chiarita (e mai lo sarà), ma abbiamo visto come se la sono cavata a Los Angeles. Fear The Walking Dead ha superato le nostre aspettative e non vediamo l’ora che arrivi la prossima stagione, intanto ci accontentiamo di Flight 462, la web serie composta da 16 mini episodi.

Iniziamo subito con un consiglio: evitate tutti quelli che vi invitano a cliccare su un link dove sono presenti i sottotitoli del secondo mini episodio di Flight 462. Il motivo è semplice: nessuno parla. C’è sempre il ragazzetto impaurito che non fa che guardare dal finestrino dell’aereo e cerca di mantenersi in contatto con la madre. Quando le invia un messaggio sul display appare un avviso che lo informa che non c’è rete. Il titolo scelto per la seconda parte di Flight 462 è Region Free e sotto potete trovare il video integrale. (Se non si vede aggiornate il Flash Player).

In un primo momento abbiamo pensato che il ragazzo a bordo del Flight 462 fosse apprensivo e mammone, accanto a lui c’è una donna che sferruzza, poco più avanti un uomo si sente male, e poi c’è quella donna asiatica con lo sguardo gelido che incute timore. La prossima settimana dovrebbe essere rilasciata la terza parte di Flight 462 e speriamo di conoscere più dettagli.


Informazioni su Flavia Montanaro 1120 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi