George Romero: The Walking Dead è una soap opera

george romero

George Romero, è il padre degli zombie movie, però non apprezza quelli di The Walking Dead. Ha usato parole molto dure definendo la serie una soap opera. Il suo parere è fondamentale quindi le sue dichiarazioni sono destinate a far discutere un bel po’! Eppure gli zombie di The Walking Dead, pardon, i “walkers”, vanno molto di molta nell’ultimo periodo. I numeri parlano chiaro e la AMC sta cavalcando l’onda del successo. George Romero però non gradisce questa eccessiva modernizzazione e i nuovi panni sporchi che indossano gli eroi del piccolo schermo pronti a combattere i morti viventi

Per dovere di cronaca, ricordiamo ai nostri lettori che George Romero ha regalato al cinema capolavori zombie come “La notte dei morti viventi” del 1968 e sicuramente non attende il ritorno di The Walking Dead il prossimo 11 ottobre (non osiamo immaginare cosa penserà dello spin off Fear The Walking Dead visto che si concentrerà sull’aspetto psicologico dei personaggi). Tuttavia, non ha gradito nemmeno “World War Z” con Brad Pitt del 2013. Per il 75enne gli zombie hanno invaso il mondo ormai, l’ha dichiarato ai microfoni di Indiewire.

George Romero ovviamente non prova alcun pentimento per aver diffuso questo virus però il “colpo di grazia” è stato proprio World War Z. Nei suoi film c’era della satira sociale di sottofondo che nessuna delle produzioni moderne ha ripreso anzi, l’eccessiva “personalizzazione” sta portando il genere in basso verso il mero intrattenimento. Se andiamo a spulciare nelle carte della produzione infatti, scopriamo che il budget per queste produzioni è a tanti zeri e George Romero sa benissimo che si possono ottenere risultati strepitosi senza spendere cifre da capogiro. E voi cosa ne pensate? Siete d’accordo con lui? Credete che il genere “zombie” abbia imboccato la strada “giusta” per fare concorrenza a “Il segreto?”.


Informazioni su Flavia Montanaro 1279 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi