La season premiere più noiosa di sempre? Quando nemmeno gli zombie salvano The Walking Dead 6

Partiamo subito dal presupposto che noi crediamo che The Walking Dead 6 possa migliorare, ma da questa season premiere ci aspettavamo molto di più. Ieri sera abbiamo seguito con voi il ritorno tra le mura di Alexandria come sempre, sono state tante le penne che si sono occupate di farlo in questi anni, però per chi vi scrive era la prima volta. Le aspettative per The Walking Dead 6 erano molto alte, perché dopo il grande successo di Fear The Walking Dead ci chiedevamo cosa avrebbero potuto fare ancora i produttori per stupirci. Questa season premiere non è la più brutta di sempre, perché offre degli spunti interessanti e delle scene epiche!

Abbiamo sentito le urla delle fan di Daryl Dixon quando è apparso in sella alla sua motocicletta con una marea di walkers alle spalle, abbiamo fatto la “olaaa” per Rick Grimes quando Padre Gabriel si è offerto volontario per aiutarlo, siamo rimasti un po’ interdetti quando Carter è stato ucciso (l’unico che si era opposto a Rick), e poi ci siamo chiesti: ma il clacson chi lo sta suonando? Tuttavia questa puntata è stata caratterizzata dal bianco e nero del flashback, che ha mandato in crisi più di qualche telespettatore che non aveva ancora capito che si trattava di uno scherzetto di quel buontempone di Kirkman. E stavamo per dimenticare la liason tra Carol e Morgan, l’unico che si è accorto che “oltre i biscotti c’è di più”. Purtroppo i dialoghi di The Walking Dead 6 sono stati meno coinvolgenti rispetto al passato; per noi lo show non è il sangue, le aggressioni e nemmeno le creature mostruose, ecco perché ci aspettavamo molto di più. Non è un caso che non ci siano ancora notizie ufficiali sui dati di ascolto USA. I primi giunti da oltre oceano parlano di un calo di spettatori per le altre serie in onda la domenica, quindi non è stato proprio un flop. Greg Nicotero ha dichiarato che The Walking Dead 6 è la migliore stagione di sempre, e non ci resta che aspettare.

Nella puntata di The Walking Dead 6, andata in onda ieri sera, ci hanno colpito altre cose, come la personalità sempre più paranoica di Rick Grimes che viene fuori quando si confronta con Morgan, e il dialogo tra Maggie e Tara in cui riflettono “come la prima volta” che si sono incontrate erano dalla parte opposta di una recinzione. Il messaggio lanciato è molto più in linea con le recenti storie narrate nel fumetto in cui ci si sta avviando verso la ricostruzione della società, ma in The Walking Dead 6 siamo ancora troppo lontani da quelle vicende e le nuove minacce stanno per arrivare.


Informazioni su Flavia Montanaro 1279 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

3 Commenti

  1. Secondo me è stata una grande puntata e sono uno di quelli che difende l’importanza dell’introspezione nella serie e la volontà di Kirkman di lasciare l’azione in “secondo piano” per dare spazio ai personaggi. Dall’altra parte penso che possa ancora migliorare e che, anzi, i produttori si siano concentrati più sulla parte “Chi ha suonato il clacson?” piuttosto che sul resto della puntata! In effetti sarà proprio quella dei Wolves la parte più importante di questa stagione e anche “JSS” ci fa capire che, anche se non ne avremo la certezza fino a lunedì, i Wolves potrebbero entrare in azione molto presto ed un argomento così delicato avrà utilizzato tutta la creatività e la bravura dei produttori! Poi ripeto, grande puntata anche questa che, secondo me, se non è stata seguita molto è solo a causa di altre serie TV e non dei contenuti di The Walking Dead che, a mio parere, resta la serie più grande di sempre!

    • Anche a me piace l’introspezione dei personaggi, ma perché fare una puntata così piatta? Tra l’altro era la season premiere! Il fatto che abbia avuto un calo di ascolti inferiore alle previsioni un po’ mi preoccupa, però ci sono ancora troppe questioni dei fumetti che non sono ancora state trattate, quindi ci sarà tempo 🙂 A presto!

Rispondi