La traduzione della lettera di Carl Grimes al padre

“I remember my 8th birthday at the KCC with that giant cake and Aunt Evie showing up on leave surprising all of us. I remember mom. I remember Codger. I remember school and going to the movies and Friday night pizza and cartoons and grandma and grandpa and church, those summer barbecues and the kiddie pool you got me. Could have used that at the prison.

You told me about the walks we’d take when I was three. You holding my hand around the neighbourhood all the way to Ross’ farm. I didn’t know that I remembered them, but I do because I see the sun and the corn and that cow that walked up to the fence and looked me in the eye and you told me about all that stuff but it isn’t just that stuff, it’s how I felt. Holding your hand, I felt happy and special and I felt safe.

I thought growing up was about getting a job and maybe a family, being an adult. But growing up is making yourself and the people you love safe, as safe as you can because things happen. They happened before. You were shot before things went bad. I kind of felt like things went bad because you were shot. I want to make you feel safe, dad. I want you to feel just like I felt when you held my hand. Just to feel that way for five minutes, I’d give anything to make you feel that way now.

I wanted to kill Negan. I wish I did, maybe it would have been done. I don’t think it’s done now. You went out there again, but I don’t think they surrendered. I don’t think they will surrender. There were workers in there, dad. They’re just regular people, old people, young people, families. You don’t want them to die, dad.

We’re so close to starting everything over and we have friends now. That bigger world Jesus talked about: the Kingdom, the Hilltop, there’s got to be more places, more people out there, a chance for everything to change and keep changing. Everyone giving everyone the opportunity to have a life, a real life. So if they won’t end it, you have to. You have to give them a way out.

You have to find peace with Negan. Find a way forward somehow. We don’t have to forget what happened, but you can make it so that it won’t happen again, that nobody has to live this way, that every life is worth something.

Start everything over. Show everyone that they can be safe again without killing. They can feel safe again. That it can go back to being birthdays and school and jobs, and even Friday night pizza somehow, and walks with a dad and a three-year-old holding hands. Make that come back, Dad. And go on those walks with Judith. She’ll remember them.

I love you. Carl.”

———-

Ricordo l’ottavo compleanno trascorso a KCC, la torta gigante e la zia Evie che ci ha fatto una sorpresa. Ricordo anche la mamma, Codger, la mia scuola, quando andavamo al cinema, la pizza del venerdì sera, i cartoni animati, il nonno e la nonna in Chiesa. In estate facevamo il barbecue e ricordo la piscina per bambini che mi avevi comprato, a pensarci bene avrei potuto usarla nella prigione. Quando avevo tre anni facevamo delle lunghe passeggiate, mi raccontavi sempre che mi prendevi per mano e insieme facevamo il giro del vicinato fino alla fattoria di Ross. Non me le ricordavo ma vedo il sole, le pannocchie, le mucche nel recinto che mi guardavano… Tenendoti per mano mi sentivo felice e al sicuro.

Credevo che crescere significasse trovare un lavoro, costruire una famiglia, diventare adulto. Crescere significa tenere al sicuro te stesso e le persone che ami, più che puoi, perché tutto può succedere. Tutte queste cose succedevano prima che ti sparassero, tutto è cambiato in peggio e io credevo che la colpa fosse di quello sparo. Voglio farti sentire al sicuro come mi sentivo io quando mi tenevi la mano, almeno per 5 minuti, darei qualsiasi cosa per farti provare adesso quelle sensazioni.

Volevo uccidere Negan. Vorrei averlo fatto. Forse sarebbe finita. Non credo che adesso sia tutto finito.

Tu sei andato via ma non si arrenderanno perché non sono vaganti, sono persone normali: vecchi, giovani, famiglie. Non devono morire. Stiamo per ricominciare una nuova vita, abbiamo degli amici, è quel mondo di cui Jesus parlava: il Regno, Hilltop. Fuori ci sono ancora più persone e nuovi posti e c’è davvero la possibilità che tutto cambi e che ognuno possa lavorare per dare agli altri una vita vera. Tu devi dare a loro una vita e devi trovare il modo per andare d’accordo con Negan.

Non possiamo dimenticare quello che è successo, ma tu puoi evitare che accada di nuovo. Nessuno deve vivere in questo modo perché ogni vita ha un valore. Ricomincia da capo, dimostra a tutti che si può vivere al sicuro senza dover uccidere. Che possono tornare le feste di compleanno, la scuola, il lavoro, le pizze del venerdì sera e le camminate di un padre e un figlio nel vicinato. Fai in modo che accada tutto questo e porta Judiht a fare delle passeggiate. Lei le ricorderà.

Ti voglio bene. Carl.


Informazioni su Flavia Montanaro 1120 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi