The Mocking Dead: arriva il fumetto-parodia

the mocking dead

Da un lato c’è la seconda parte di stagione di The Walking Dead che continua a farsi sentire tra rumor, attesa e anticipazioni a valanga; dall’altra ci sono quei simpaticoni di Fred Van Lente e Max Dunbar che stanno per arrivare in Italia a suon di parodia tutta dedicata al mondo degli zombie.

Manca davvero poco all’approdo nei negozi di fumetti per The Mocking Dead, pubblicato nel nostro Paese da Panini Comics e che ricorda non solo nel nome il ben più celebre The Walking Dead; il fumetto verrà diffuso dal prossimo 29 gennaio e i cui toni non sembrano essere esattamente gli stessi dell’altra serie, quella ufficiale.

Se all’inizio solo pochi e piccoli problemini causavano qualche affanno ai protagonisti del fumetto-parodia, ad un certo punto l’accumularsi di incidenti, sbadataggini e tanta dose di sfortuna porta a tradurre il tutto in un’apocalisse difficile da gestire che costringerà gli eroici protagonisti a lottare con i denti per la propria sopravvivenza.

Peccato però che in The Mocking Dead quegli eroici protagonisti non siano delle cime d’astuzia e intelligenza, e si sa che quando manca il cibo la cosiddetta furbizia se ne va a spasso alla ricerca di teste migliori. Nella lotta per la vita non ci sono regole: tutti contro tutti. Seriosi, e forse convinti di se stessi, i nuovi eroi creati da Fred Van Lente e Max Dunbar faranno di tutto per arrivare sani e salvi alla fine delle pagine, sempre che non incappino involontariamente nell’autodistruzione!

Una distruzione volutamente esilarante per prendersi gioco dell’abusato filone dei morti viventi, che vanno ben oltre il solo Walking Dead ma che coinvolgono un intero ecosistema comics e serie che si ispirano a vicende più o meno credibili, tutte rigorosamente con degli zombie come protagonisti. Fred Van Lente ha già lavorato con le figure di ritorno dal mondo dei defunti partecipando al progetto Marvel Zombie, a cui prese parte nel 2005 anche Robert Kirkman che contribuì alla nascita ed al lancio del progetto.


Commenta per primo

Rispondi