Norman Reedus mette in guardia gli autori di The Walking Dead

Il midseason finale di The Walking Dead 8 continua a far discutere. Finché si tratta di opinioni dei fan non c’è nulla di cui preoccuparsi, ma quando intervengono gli attori dello show bisogna aprire bene le orecchie. Norman Reedus è molto dispiaciuto per la morte di Carl Grimes e per quest’addio inaspettato al giovane collega Chandler Riggs. Sappiamo che il figlio di Rick è stato morso da un vagante e che nulla e nessuno può salvarlo. Per Reedus, perdere un membro del cast storico di The Walking Dead, è come perdere un parente stretto. Ha visto crescere Chandler sul set e lo conosce da quando era un bambino, inoltre sperava che sarebbe rimasto l’ultimo dei sopravvissuti a rimanere in piedi.

Dopo aver espresso il suo rammarico, Norman Reedus si è rivolto anche ai membri della produzione di The Walking Dead contestando la scelta di rimuovere i membri del cast storico. Queste scelte sin troppo coraggiose stanno togliendo quella magia che ha caratterizzato sin dall’inizio The Walking Dead. Lo spettacolo si trasforma “liberandosi” dei personaggi storici ma bisogna stare molto attenti. Un invito che sembra diretto al nuovo showrunner Angela Kang. A conti fatti solo Rick, Daryl e Carol sono i sopravvissuti storici e gli attori iniziano a temere per il loro futuro. Nessuno degli attori che presta il volto a questi personaggi ha intenzione di lasciare la serie, proprio Norman Reedus ed Andrew Lincoln hanno deciso di rinegoziare i loro contratti in vista del rinnovo dello show per la nona stagione. Gli autori saranno della stessa idea oppure il loro destino è già segnato? Per esempio Robert Kirkman sapeva della morte di Carl Grimes da almeno un anno.


Informazioni su Flavia Montanaro 1120 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi