Outcast: tutto quello che sappiamo grazie al nostro inviato speciale

I posseduti di Outcast sono pronti per conquistare il nostro piccolo schermo. Al Comicon di Napoli, sabato 23 aprile, è stata proiettata l’anteprima e tra i 20 fan che hanno avuto l’onore di assistere c’era anche il nostro Alessio che ci ha inviato delle foto e ci ha dato qualche info in più su questa nuova serie.

Ecco cosa ci ha scritto: «La data d’inizio è stata ufficializzata al 6-6-16, la durata della puntata sarà di circa 45-50 minuti (se ho visto bene l’ora) e narrerà tutto il primo albo. Sarà molto fedele al fumetto, le scene sono molto forti sia quelle di possessione, sia quelle di violenza (momento nel quale Kyle picchia Joshua ), la FOX punta molto di più su questa serie che sulle altre compreso TWD. Alcuni test di gradimento fatti in America hanno rilevato che i fan sono molto attratti da questa serie, ma hanno assicurato che i due titoli viaggeranno su binari differenti e nessuno minerà l’altro. Inoltre questo terzo titolo si alternerà agli altri due per tenerci incollati alla TV tutto l’anno. È stato firmato un contratto per diverse serie e quest’estate gireranno già la seconda».

L’evento di è tenuto al Teatro Mediterraneo e sul palco erano schierati: Patrick Fugit (Kyle Barnes), Philip Glenister (reverendo Anderson), Wrenn Schmidt (Megan, sorella di Kyle), Reg E. Cathey (capo della Polizia), Kate Lyn Sheil (ex moglie di Kyle), il produttore della serie Chris Black, Andrea Ciccarelli (Saldapress) e Giorgio Viaro (direttore di Best Movie e Bestserial). Non sono mancati i saluti di Robert Kirkman, autore del fumetto disegnato da Paul Azaceta, che ha registrato un messaggio perché ha paura degli aerei e non è riuscito ad arrivare a Napoli. Ironico come sempre ha chiesto ai fan di guardare Outcast perché la sua vita dipende proprio da questo.

Chris Black ha precisato che è stata una fortuna avere Kirkman come sceneggiatore, ecco perché ci sono tanti punti in comune con il fumetto. Come già accaduto in The Walking Dead i personaggi potrebbero anche discostarsi, rimanendo fedeli agli originali. Patrick Fugit e gli altri attori del cast hanno letto parte della saga di Outcast per entrare meglio nella parte, anche se ha confessato di essere un appassionato di “The Punisher”. La nostra impressione è che Outcast sia piuttosto vicina a quello che è diventato The Walking Dead nella sesta stagione, ovvero una lotta contro i demoni che si agitano dentro di noi. Riusciremo ad affezionarci anche a questi personaggi?

Ed ora ecco a voi le foto di Alessio, se avete domande su Outcast chiedete pure, il nostro amico sarà molto felice di condividere con voi la sua esperienza.


Informazioni su Flavia Montanaro 1061 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi