The Walking Dead, quanti sono i Carl? Tutte le volte in un unico video

the walking dead giovane carl

Il povero quindicenne Chandler Riggs, meglio conosciuto dai fan di The Walking Dead con il nome di Carl, è da sempre vittima involontaria di meme sul web e post ironici di ogni tipo essenzialmente per via del suo essere, o meglio, per essere il suo personaggio poco amato tra i seguaci della serie. Ma non solo, perché anche il modo in cui il padre filmografico lo chiama nel corso delle riprese ha da sempre suscitato ilarità generale su internet, dove fioccano continuamente immagini e gif che prendono in giro la figura del personaggio riprendendo il ragazzino combina guai nelle situazioni più disparate, o anche video dove si ironizza su quel “Carl” continuamente urlato dal padre Rick.

Il video di Carl in Walking Dead

Ed è proprio Andrew Lincoln uno dei protagonisti del curioso video spuntato sul finire del 2014 nel canale LAC Ars su Youtube, dove l’autore prende in giro proprio quel curioso modo di pronunciare “Carl” di Andrew Lincoln sfidando quanti visualizzano a tenere il giusto conto delle tante (troppe) volte in cui il nome viene urlato.

Ma non solo, perché a nominare ed urlare Carl ci si metto anche buona parte degli altri protagonisti di The Walking Dead, da Shane, ad Andrea, a Dale fino ad arrivare allo stesso Carl che si auto-pronuncia sul finale con un ghigno beffardo quasi a prendersi gioco di tutti i Carl disperati urlati fino a qualche secondo prima.

Un tripudio di Carl condensati di 2 minuti e 19 dove quel Carl tanto ripetuto finisce per sembrare una specie di Corl, o Cral, Corl, Carol, Car, Crak, in un ginepraio incomprensibile di Carl espressi con toni più o meno concitati di cui tenere il conto ad un certo punto diventa quasi impossibile, uscendone storditi e sorridenti per aver perso le dita a furia di tener testa a quegli osannati Carl forsennatamente pronunciati. Ma è proprio questa la sfida, riuscire ad arrivare fino in fondo senza perdersi nessun Carl! Qualcuno è in grado di riuscirci?


Commenta per primo

Rispondi