Recensione episodio 8×15 “Il Valore” tutto torna alla “normalità”

Ormai siamo quasi arrivati alla fine di questa stagione, il penultimo episodio di The Walking Dead 8 ci aiuta a fare chiarezza. L’incipit è dedicato alla lettera che Carl ha scritto a suo padre dove gli chiede di cambiare il destino del mondo apocalittico. Rick sapeva cosa c’era scritto, ecco perché ha cercato di rimandare la lettura. Voleva vendicarsi di Negan ma adesso quel tempo è finito. Ad una settimana dal finale di The Walking Dead 8 abbiamo sempre più chiaro che questo non è il momento per prendere iniziative personali, ogni mossa può risultatre. Gli autori delineano con le storie di Eugene, Aaron, Dwight e Negan quali sono i veri crimini del mondo apocalittico e non a caso troviamo al primo posto la vigliaccheria. Eugene è il primo tra i vigliacchi, continua a fare qualsiasi cosa pur di non morire e si giustifica in tutti i modi, e se la prende anche con Padre Gabriel, un personaggio ancora in evoluzione. Apre il cuore, ricorda che è stato vile lasciando morire la sua comunità sbranata dai walker affamati. Eugene e Padre Gabriel però sono “diversamente” vigliacchi perché se il secondo ha solo paura di morire, il primo ne è consapevole, proprio come Gregory.

Eugene dopo essere stato catturato da Rosita e Daryl sbobbina una serie di giustificazioni inutili visto che Dixon è stato prigioniero dei Salvatori. Il momento della fuga è uno dei più trash di sempre di The Walking Dead. Però per un Eugene che fa venire a noi il vomito, ecco che ci viene mostrata la storia di Aaron completamente diverso da lui. Il reclutatore ormai stremato dalla fame e dalla sete, completamente accerchiato da un esercito di walker continua a combattere e riesce finalmente a convincere la comunità di donne.

Intanto Simon mostra a Dwight un piano per far fuori Negan e guidare la comunità ma il villain entra nella stanza all’improvviso e punta il dito proprio contro Dwight dicendo che lui (riferito a Simon) lo ha tradito. Ovviamente Negan sa tutto anche del tradimento del suo braccio destro. Solo che il leader propone a Simon uno scontro per stabilire chi è il capo. La lotta sembra interminabile, nulla è lasciato al caso visto che Dwight riesce a prendere una copia (falsa) della mappa di Hilltop e chiede a Gregory di consegnarla a Rick. Dopo che Simon è stato uccido nella stanza trova Laura, la persona che era con Negan nella macchina. L’unica che sa del primo tradimento di Dwight. Le brutte sorprese però non sono finite perché Negan svela anche che il piano contro Hilltop non è reale. Poco più tardi ecco che Michonne chiama il villain al walkie-talkie e lo prega di ascoltare quello che ha scritto Carl nella lettera. Negan però distrugge il dispositivo e se la scorsa settimana il mondo sembrava girare al contrario, è stato tutto ristabilito. Negan vuole vendetta!


Informazioni su Flavia Montanaro 1120 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi