Recensione episodio The Walking Dead 9×06: Chi sei adesso?

Il ponte è saltato in aria. Rick Grimes è sparito. L’uscita di scena è stata una mezza delusione per chi credeva che l’eroe di The Walking Dead sarebbe morto. C’è chi, come noi, ha sempre sperato in un finale aperto ma non avremmo mai immaginato che Rick Grimes sarebbe volato via a bordo di un elicottero, diretto verso nuove avventure cinematografiche in solitaria. Il nuovo episodio di The Walking Dead 9 ci costringe a guardare oltre, a dimenticare il passato, e non è semplice perché lo stacco è netto. Cosa potrebbe succedere adesso?

L’episodio è di transizione, a questo punto ci potrebbero essere due conseguenze dal punto di vista della trama: far diventare definitivamente The Walking Dead una serie corale, passare il testimone del leader ad alcuni personaggi (quelli più amati dai fan: Carol, Michonne o Daryl). Una cosa è certa, rispetto al passato, la scrittura è molto più curata e non ci sono più momenti imbarazzanti e ridicoli, tranne le storie d’amore di Padre Gabriel. Difficile immaginare però che siano passati 6 anni dal sacrificio di Rick Grimes, il vuoto che ha lasciato è incolmabile e il ponte dove si è sacrificato non è mai stato ricostruito, tanti i segni che lo ricordano soprattutto il cappello, le camicie a quadri di Judith e gli sceriffi giocattolo. La piccola ha imparato la lezione del padre e soprattutto quella del fratello Carl, non è un caso se è proprio lei ad accogliere nuovi personaggi, a tendere la mano. Judith è la prima bambina nata e cresciuta nell’apocalisse zombie per questo non è ingenua, ha imparato ad adattarsi, è come se avesse già gli anticorpi per sopravvivere. Il merito, sicuramente, è anche di Michonne che è il capo della sicurezza di Alexandria. Michonne cerca di capire se fidarsi o meno di queste persone, ormai è chiaro: chi è sopravvissuto ha fatto cose orribili e non è facile giudicare se può essere un alleato o solo un nemico. Parlando di nemici non possiamo non citare Negan, nella sua brevissima apparizione ha avuto un colloquio con Judith, ha cercato di manipolarla come ha fatto con tutti, per uscire di prigione.

Chi sei adesso? È la puntata zero di The Walking Dead 9 quella che in assoluto segna una rottura con il passato. Non ci sono più guerre e disperazione ma spazio ai sentimenti positivi. Tutti hanno smarrito la propria umanità, una qualità che deve essere difesa con forza perché è alla base della nuova civiltà che Rick Grimes ha iniziato a costruire ispirato dal figlio Carl. In questo nuovo corso di The Walking Dead c’è qualcosa che non è cambiato ed è il valore della famiglia, che non riguarda i legami di sangue, ecco perché la scelta di Daryl che ancora una volta dimostra di essere un solitario, stride con i bisogni di tutti gli altri. Il futuro di The Walking Dead 9 comunque è donna, lo avevamo anticipato quest’estate, quando andavamo alla ricerca di news interessanti sulla nuova stagione. Le donne sono il nucleo di questa comunità, Michonne e Carol protagoniste assolute della rinascita, hanno combattuto duramente e perso affetti per difendere il futuro sempre più minacciato dall’arrivo dei Sussurratori.


Informazioni su Flavia Montanaro 1219 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi