Recensione The Walking Dead episodio 8×12 “La chiave”

Continuiamo a seguire The Walking Dead perché quando abbiamo perso tutte le speranze ci sono episodi completamente diversi e che ci spiazzano. The Key non è un episodio eccezionale, anzi possiamo definirlo piuttosto banale, però finalmente qualcosa si muove. I personaggi devono affrontare delle decisioni importanti e le loro scelte si mostrano azzeccate oppure sbagliate, ma la storia arriva da qualche parte. Parlavamo di banalità che per noi si riassume nella proposta dell’eterno duello tra Rick e Negan.

L’episodio 8×12 di The Walking Dead ruota intorno al dilemma: uccidere tutti quelli che non fanno parte della comunità o dare fiducia a tutti come sosteneva Carl Grimes? Ancora una volta ecco la banalità: i personaggi maschili sono orientati verso la prima ipotesi, le donne sono d’accordo con Carl. Nel bel mezzo di questi dilemmi c’è Negan. Non è un caso se gli episodi in cui compare sono quelli più interessanti. Questa volta però ha dimostrato di essere un forte sostenitore delle teorie pacifiste di Carl. Da villain si trasforma in pacificatore, a modo suo ovviamente. Negan non aveva ordinato la strage alla discarica e quando lo scopre si arrabbia perché Simon ha osato disobbedirgli e questo gesto ha delle ripercussioni. È incredibile come nel duello Rick-Negan sia ancora lui ad uscirne meglio perché ha un progetto per il futuro ben diverso da quello dello sceriffo Grimes.

Comunque c’è un nuovo personaggio in The Walking Dead 8 che ci incuriosisce: Georgie. Che cosa ci fa da queste parti è tutto da capire però in cambio di fiducia offre tutte le sue conoscenze, un atteggiamento che non ha nulla a che vedere con l’imbarbarimento dei personaggi. Georgie propone di costruire mulini, silos e acquedotti e strumenti per raffinare il grano e raccogliere legname. In tutta la serie non avevamo mai visto nessuno che aveva in mente un progetto così ambizioso. La chiave di tutto è non commettere gli errori del passato, costruire il futuro seguendo le indicazioni di Carl. Tutto questo però contrasta con il desiderio di morte e di sangue del padre Rick, lo perdoniamo solo perché agisce di pancia.


Informazioni su Flavia Montanaro 1198 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi