Recensione The Walking Dead 4×13: “Alone”

tumblr_n28b48oi821r7wse8o1_500

La scorsa puntata mi aveva lasciato piacevolmente sorpreso e non vedevo l’ora di visionare questo nuovo episodio sicuro di non restarne deluso, d’altronde le story-line da trattare erano tante, gli sceneggiatori avevano carta bianca, quindi dove e come potevano sbagliare? Non potevano! E invece mi sbagliavo, alla grande.

Per quanto mi riguarda ‘Alone’, il tredicesimo episodio di questa quarta stagione, poteva essere strutturato decisamente meglio. Sono rimasto davvero molto, molto deluso. Mi domando: che motivo c’era di allungare il brodo parlando degli inutili svalvolamenti psicologici di Maggie, Bob e Sasha?

Ma avanziamo con ordine…

‘Alone’ è un episodio che parla di solitudine e, per restare coerente con il titolo, inizia con un flashback riguardante il nostro buon Bob Stookey che, dopo aver perso il suo secondo gruppo, vaga da solo nei boschi cercando di sopravvivere con le sue sole forze. Intento a camminare verso Dio solo sa quale meta entra in contatto con Daryl e Glenn che decidono, non senza difficoltà, di portarlo con loro alla Prigione. Questo flashback non fa altro che confermarci cose che sapevamo già: Bob è stato trovato da Daryl (e da Glenn, questa se non erro è l’unica cosa che non sapevamo) che l’ha portato alla Prigione per permettergli di inserirsi nella loro comunità.

Dopo questo “ritorno al passato” di dubbia utilità ritorniamo al presente per seguire “in diretta” le avventure dei nostri sopravvissuti: Bob, Sasha e Maggie sono circondati da una fitta nebbia e da un piccolo branco di erranti che riescono ad eliminare non senza difficoltà, Bob infatti viene morso alla spalla ma fortunatamente per lui la fasciatura del proiettile gli fa da “scudo” e il nostro ubriacone preferito torna a sfoggiare il suo sorriso migliore ammiccando romanticamente a Sasha (yuhuuuu!!).

Ancora sconvolti da questo finto colpo di scena assistiamo all’allenamento di Beth con la balestra; la biondina infatti sta prendendo lezioni da Daryl per imparare a cavarsela da sola senza mettere continuamente a rischio la vita degli altri ma purtroppo per lei fallisce miseramente anche questa volta. Dopo aver individuato un errante, infatti, l’ignara Beth prova ad avvicinarsi silenziosamente per colpirlo alle spalle ma mette i piedi su una trappola che scatta e le impedisce di avanzare e…indovinate chi accorre in suo aiuto?

Esatto, avete indovinato, ma come avete fatto? Dopo che Daryl si è occupato del vagante e ha liberato Beth i due escono dal bosco e raggiungono un piccolo cimitero con una casetta apparentemente vuota al cui interno trovano una dispensa con dentro alcuni viveri con cui sfamarsi. La casa è troppo pulita per essere disabitata ma Beth e Daryl decidono comunque di rimanere qualche giorno per recuperare le forze sperando che il loro nuovo ed ignaro coinquilino sia abbastanza amichevole da sopportare la loro intromissione. Il loro soggiorno nella casa però dura davvero poco: un consistente numero di zombie riesce ad entrare nell’abitazione a causa di una distrazione di Daryl e i due sono costretti a dividersi; dopo essersi liberato dagli zombie Dixon raggiunge la strada e nota lo zaino di Beth a terra e un’automobile che parte all’impazzata…uno più uno quanto fa? Daryl incomincia a seguire le tracce lasciate dall’auto ma si imbatte in un nuovo gruppo di sopravvissuti armati che lo mettono di fronte ad una semplice scelta: “o con noi o contro di noi“. Daryl accetta di seguirli. Piccolo appunto: questi nuovi sopravvissuti sembrerebbero essere proprio gli stessi incontrati da Rick nell’episodio 4×11, ‘Claimed’, il che non promette assolutamente niente di buono!

Intanto anche Maggie, Bob e Sasha sono usciti dal bosco e hanno finalmente notato il cartello sulla ferrovia che parla del rifugio sicuro: “Sanctuary for all, community for all, those who arrive survive“. Maggie decide di abbandonare Bob e Sasha per non metterli in pericolo e si dirige verso il Santuario convinta di poter ritrovare lì Glenn. Vi avverto, da qui inizia il calvario per tutti coloro che, come me, cercano sempre un briciolo di senso in quello che guardano. Sasha improvvisamente sente la voglia di prendersi un appartamento e di cominciare una nuova e tranquilla vita mentre Bob ha intenzione di seguire Maggie perché non sopporta l’idea di lasciarla da sola; dopo un romantico bacio i due si dividono, Bob continua a seguire le rotaie e le tracce lasciate da Maggie (che lascia messaggi per Glenn scritti con il sangue degli sfortunati zombie) e Sasha entra in un edificio speranzosa di poterne fare la sua nuova casa. Reggetevi forte, qui arriva l’assurdo: Sasha si affaccia dalla finestra della sua nuova dimora e vede Maggie (si, Maggie) sdraiata a terra accanto ad alcuni vaganti morti (si, sdraiata a terra accanto ad alcuni vaganti morti). Maggie è morta? E’ stata uccisa? Assolutamente no. Stava riposando dopo aver fatto una buona scorta di vaganti per fare altro inchiostro rosso con cui scrivere nuovi messaggi per Glenn……..vaaaaaaaaa bene, andiamo avanti: alcuni zombie nei paraggi si accorgono di Maggie e Sasha accorre prontamente in suo aiuto, le due danno decisamente filo da torcere agli zombie, soprattutto Maggie che, lasciatemelo dire, è una gran figa mentre spacca la testa agli zombie con un cartello stradale (wow, ma è leggerissimo!!).

Dopo la strage di morti viventi Maggie ammette di aver capito di non poter andare avanti da sola, le due abbandonano ogni rancore e raggiungono Bob. Abbraccio finale, sorrisi e vissero tutti felici e contenti.

Mi dispiace, ma non ci siamo proprio. A me sembra che gli sceneggiatori stiano facendo di tutto per non dare risposte…vogliono forse attendere il finale di stagione per poi lasciarci a bocca aperta fino ad ottobre prossimo? Che senso ha allungare il brodo facendo compiere scelte assurde a dei personaggi soltanto per metterli un po’ più in risalto?

Personalmente rimango dell’opinione che questa seconda metà di stagione sia davvero magnifica, ma questo episodio non mi è piaciuto proprio per niente. Speriamo di rifarci col prossimo!!


Informazioni su Flavia Montanaro 1181 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

2 Commenti

  1. Non sono d’accordo, la puntata e’ stata buona, dai. Che avrebbero dovuto fare, si stanno tutti cercando e tutti pensano di andare a Terminus perché pensano di ritrovarsi. L’unica che non capisco e’ Sasha.
    L’intreccio del gruppo che incontra Daryl, che è lo stesso che ha occupato il rifugio temporaneo di Rick e’ magistrale.
    Comunque che fine avrà fatto Beth? Chi era nell’auto?

    • Secondo me stanno troppo allungando il brodo (bada bene: odio questa frase, ma quando ci vuole ci vuole…) per non tirare fuori tutte le idee in modo da poterle sviluppare meglio nella quinta stagione…ho trovato tutta la storyline si Sasha, Maggie e Bob abbastanza irreale…comunque credo che chi abbia rapito Beth stava alloggiando nella casa “presa in prestito” da Beth e Daryl…se hai notato bene dietro la macchina c’è una croce… =)

Rispondi