Robert Kirkman fa causa alla AMC: è guerra totale

Ci piace provocare, lo sapete, però in casa AMC tira una brutta aria. A quanto pare Robert Kirkman si è lamentato per non aver ricevuto il giusto compenso e non si è limitato a sbattere i pugni sul tavolo ma ha addirittura fatto causa all’emittente televisiva. I profitti di The Walking Dead hanno tantissimi ‘zeri’, e gli incassi continuano a salire, per questo Kirkman, insieme a Gale Anne Hurd, Glen Mazzara e David Alpert hanno deciso di muoversi. Una ‘guerra totale’ che potrebbe avere delle conseguenze devastanti, ancora più gravi di quelle della guerra tra Rick Grimes e Negan.

Non è la prima volta che si verifica una situazione di questo tipo, sicuramente ricordate la battaglia legale di Frank Darabont che ha contribuito a creare lo show e che è stato licenziato nel corso della seconda stagione. Il precedente legale potrebbe avere un peso e costringere la AMC a prendere decisioni inaspettate. Per il momento questa è solo un’ipotesi ma noi staremo ben attenti e seguiremo l’evolversi della vicenda. Intanto la corte dovrà quantificare la somma dei diritti che spettano al produttore e agli sceneggiatori per la messa in onda. Nel testo della denuncia si fa riferimento agli obblighi contrattuali con i creativi, ovvero i talenti dell’industria che sono i veri responsabili del grande successo di The Walking Dead.

La risposta di AMC non è tardata ad arrivare, i vertici hanno fatto sapere che possono trasmettere ‘come’ e ‘quando’ vogliono le puntate di The Walking Dead. Cause di questo tipo sono comuni nel settore dell’intrattenimento e per le serie tv di successo. Quanto accaduto non è una novità per AMC che continua a rispettare il gruppo di ‘creativi’ dello show. Si difenderanno contro questa causa che ha tutta l’aria di essere dettata da ragioni di ‘opportunismo’ e, nonostante i nuvoloni all’orizzonte, non arriverà nessun temporale. La collaborazione continua!


Informazioni su Flavia Montanaro 1079 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi