Robert Kirkman non è dispiaciuto per la morte di Carl

Robert Kirkman il creatore di The Walking Dead ha dichiarato a ComicBook.com di non essere affatto dispiaciuto per le sorti di Carl Grimes. Il motivo è semplice, lui è abituato a questi eventi così tragici, nelle serie tv può accadere. Kirkman non critica la scelta dei produttori che di fatto hanno stravolto la sua storia anzi è molto entusiasta. A tal proposito sostiene che quando le cose vanno diversamente rispetto al fumetto è molto eccitante. Robert Kirkman è impegnato con i produttori alla lavorazione della nona stagione di The Walking Dead e ha svelato che quando sono impegnati in sala sceneggiatura capiscono quanto le conseguenze della morte di Carl Grimes gli abbiano permesso di scrivere una serie migliore. Gale Anne Hurd, la produttrice esecutiva ha sottolineato che sin dall’inizio Robert Kirkman ha stabilito che il fumetto e la serie tv dovevano essere diversi infatti ci sono nuovi personaggi che non esistono nella controparte cartacea come Daryl Dixon e alcune dinamiche sono inesplorate. Trasporre tutte le vignette non avrebbe reso The Walking Dead quello show tv a cui nel bene (e nel male) siamo affezionati ma con il tempo i fan hanno perso l’entusiasmo.

Ascolti bassissimi per The Walking Dead

The Walking Dead continua ad attraversare un periodo buio dal punto di vista degli ascolti che paragonati alle stagioni precedenti sono pietosi. L’ultima volta che lo show ha registrato simili ascolti è stato nel 2010 poi nel corso degli anni sono aumentati sino a raggiungere una media di 14,4 milioni e un rating di 7,4 nella quarta stagione. La premiere 8×09 è stata la meno seguita con 8,9 milioni di spettatori. David Alpert continua a difendere lo show di punta di AMC e l’emittente via cavo è positiva. Tthe Walking Dead resta la serie più seguita di sempre insieme a Game of Thrones.


Informazioni su Flavia Montanaro 1197 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi