The Walking Dead 5: la scena dopo i titoli di coda

michonne the Walking Dead 5
The Walking Dead 5: dopo i titoli di coda

Presi dalla smania di sapere cosa accadrà prossimamente, abbiamo dimenticato di parlare di alcuni dettagli importanti dell’ultima puntata di The Walking Dead 5. Dopo i titoli di coda di Conquer, abbiamo visto Michonne che indossava la sua fedele arma: la katana. Avete visto il simbolo alla sua destra? L’ottagono è visto come simbolo della rinascita secondo molte culture e sotto la guida di Rick la safe zone di Alexadria subità molti cambiamenti. Il fatto che Michonne sia pronta a combattere lascia presagire che la sesta stagione sarà all’insegna dell’azione.

Intanto, per i più distratti, proviamo a fare un piccolo “riassunto” degli altri dettagli nascosti nell’ultima puntata di The Walking Dead 5 che potrebbero rivelarsi fondamentali per capire meglio le prossime avventure del nostro gruppo di sopravvissuti.

Nella parte iniziale dell’episodio Aaron e Daryl vedono dal loro binocolo un uomo che indossa una maglia con cappuccio. Dietro di lui non c’è nessuno e, considerando l’elevata pericolosità dei walkers e dei wolves nei paraggi deve aver avuto un istinto di sopravvivenza oltre la media. Purtroppo i due reclutatori non riescono ad avvicinarlo perché viene assalito dai lupi. Per alcuni fa la scena finale di The Walking Dead 5 era stata anticipata nell’episodio precedente quando Carol e Rick sono d’accordo sul fatto che gli bastano i coltelli per combattere. La conferma arriva quando Reg muore a causa di una profonda ferita da lama. Altro fattore da non sottovalutare Rick e Morgan e la loro alternanza tra follia e lucidità.

Infine la fedeltà al fumetto. The Walking Dead 5 ha molte connessioni con la carta stampata, persino i cerotti sul viso di Rick sono disposti negli stessi punti. Avete altri dettagli da aggiungere?


Informazioni su Flavia Montanaro 1094 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi