The Walking Dead 5×06, la recensione

La sesta puntata della quinta stagione di The Walking Dead non è stata apprezzata da moltissimi fan; sicuramente si è trattato di una puntata interlocutoria, ricca di flashback, che serviva solo per spiegarci come Carol sia arrivata all’ospedale e come lei e Daryl abbiano capito dove si trovava Beth.

Restano solo due puntate di questa stagione per il 2014, prima della pausa ‘natalizia’: possiamo ipotizzare che ora Daryl, con l’aiuto di Noah e di Rick, voglia salvare Carol e Beth, le due donne per lui più importanti. Ma ricapitoliamo cosa è successo in questa puntata.

L’episodio è tutto incentrato su Daryl e Carol: Daryl vede Carol che si allontana dalla chiesa e la segue. Sembra che la donna voglia stare da sola per un po’, quando i due vedono un auto simile a quella che ha rapito Beth. Da qui parte una ricerca affannosa tra le strade di Atlanta: Carol e Daryl capiscono infine che Beth si trova nell’ospedale della città, anche grazie all’aiuto di Noah, che prima aveva tentato di derubarli ed ora si unisce a loro per salvare la ragazza.

Tutta la puntata è incentrata su Carol: vediamo dei flashback che la riportano a quando era una donna più debole, vicina al marito che la picchiava, una donna che non faceva nulla per cambiare la situazione in cui era. Adesso è una donna forte, che cambia la realtà a suo piacimento e che non ha paura di nulla. Vediamo i suoi ricordi più dolorosi, tutti segnati dalla presenza del fumo e del fuoco: la morte delle due bambine, l’incendio alla prigione, il salvataggio da Terminus.

Infine Carol viene investita – forse di proposito? – da alcuni uomini dell’ospedale: Daryl per la prima volta perde la testa, e vorrebbe salvarla, ma Noah lo ferma: l’unico posto in cui possono aiutarla è proprio l’ospedale, dove ci sono attrezzature mediche e un dottore. D’altronde da solo Daryl potrà fare ben poco: gli servirà l’aiuto di Rick.

Nel prossimo episodio vedremo dunque ricongiungersi tutti i personaggi, forse anche il gruppo del finto-scienziato Eugene.


Commenta per primo

Rispondi