The Walking Dead 6, cliffhanger finale: silenzio! Parla Robert Kirkman

Le reazioni dei fan al cliffhanger del finale della sesta stagione hanno fatto infuriare Robert Kirkman. Nel nuovo numero del fumetto ha scelto di occupare la sezione Letter Hacks per cercare di placare gli animi una volta per tutte. Ricordiamo ai nostri lettori che ieri in America è uscito l’albo 154 del fumetto di The Walking Dead. Comickbook ha riportato parte della lettera di Robert Kirkman. Iniziamo subito col dirvi che se stavate aspettando che si scusasse, rimarrete delusi. L’intenzione dei produttori era quella di lasciare gli spettatori col fiato sospeso.

Ancora oggi tutti ne parlano, c’è chi lo considera il migliore di sempre, chi lo odia, e non dimentichiamo che molti hanno provato indifferenza. Robert Kirkman ha precisato che non hanno alcuna intenzione di prendersi gioco del pubblico, e non volevano nemmeno approfittare della curiosità dei fan per fare il boom di ascolti nella prossima stagione. La parte migliore della sua lettera è quando ha sbeffeggiato le teorie sulle presunti morti, anche se non può fare a meno di leggerle e di divertirsi. Noi non le abbiamo riportate tutte ma siamo convinti che a Robert Kirkman non ne sia sfuggita nessuna.

I produttori hanno realizzato qualcosa di fresco per lo show e quasi tutte le serie tv stanno seguendo questa linea. Basti pensare a Game of Thrones e alla “non-morte” di Jon Snow. L’attore che lo interpreta ha persino dovuto mentire ai parenti dicendo che sarebbe tornato solo da morto per girare alcune scene. Questa però è un’altra storia… Da quando sono iniziate le riprese della nuova stagione i riflettori sono ancora puntati sulla scena finale. Alcune fonti hanno rivelato che Negan ha massacrato Abraham, ma non ci sono conferme e a luglio arriverà il grande depistaggio al Comic-Con di San Diego, parola di Robert Kirkman.


Informazioni su Flavia Montanaro 1279 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi