The Walking Dead 6: il debutto di Jesus, Paul Rovia

Questa sera andrà in onda l’episodio 6×10 di The Walking Dead in cui finalmente conosceremo Jesus. Il suo arrivo potrebbe essere “offuscato” da altri avvenimenti e situazioni particolari che vogliamo “gustarci” insieme per poi discutere insieme a voi di quanto accaduto. Intanto soffermiamoci su Jesus che nello show non è Paul Monroe, ma Rovia. Il perché di questa scelta è da attribuire agli autori che hanno preferito non fare confusione con la famiglia Monroe di Alexandria, così come spiegato da Tom Payne, l’attore che interpreta Jesus, su Enterteinment Weekly. Tom Payne ricorda che il giorno in cui ha girato le prime scene faceva molto caldo, lui indossa un cappotto di pelle e un cappello, quindi immaginate la sofferenza fisica, inoltre è stato impegnato in una sequenza di combattimento, chiunque sarebbe rimasto sfinito, però si è allenato duramente perché Jesus è uno dei personaggi più attesi del fumetto e non poteva certo deludere le aspettative degli autori.

L’entrata di Jesus segnerà un punto di svolta nello show, ogni episodio ha un’energia diversa, ma questa volta è tutto diverso. Inoltre lo showrunner Scott M. Gimple ha voluto rendere più “giocoso” il carattere di Jesus, e stasera potremo dire la nostra. Pare che Jesus abbia fatto un effetto piuttosto positivo sul pubblico oltreoceano e se sono veri i soliti rumors sulla morte di Daryl è molto sicuro che se Negan deciderà che il primo a perire sotto i colpi di Lucille, sarà proprio Mr. Balestra, non sentiremo troppo la sua mancanza.

Intanto dobbiamo scoprire se Jesus sarà un alleato o un nemico, inizialmente verrà visto come una minaccia e le sue intenzioni saranno poco chiare, però verso la fine dell’episodio che andrà in onda questa sera avrà un atteggiamento diverso e andrà da Rick a parlare, solo che il nostro sceriffo Grimes sarà impegnato in altre attività ben più importanti. Quali? Ci leggiamo su Fb 😉


Informazioni su Flavia Montanaro 1279 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi