The Walking Dead 6: la firma di Greg Nicotero su uno degli episodi più importanti

Greg Nicotero che ha diretto l’episodio di The Walking Dead 6 “Non ancora domani”, incalzato dalle domande di EW sulla creazione delle teste che abbiamo visto, ha detto quanto segue: «La testa di Gregory è in realtà un calco della mia testa. Quando Xander Berkeley è stato lanciato come Gregory, non abbiamo avuto abbastanza tempo per fare un calco della testa, così ho inviato le sue foto a Los Angeles e ho detto: “Ecco una foto dell’attore. Vediamo cosa abbiamo in magazzino che somigli a Xander”. È andata a finire che hanno fatto uno stampo su modello della mia testa. Un‘altra invece – non so se sto per finire nei guai dicendolo – è stata quella di Johnny Depp che abbiamo usato per la base del modello d’argilla».

Dopo aver chiarito una volta per tutte questa questione, passiamo a Carol. Da lunedì non facciamo altro che chiederci: «Sarà lei la prima vittima di Negan?». Dobbiamo aspettarci delle morti importanti in questi quattro episodi che ci separano dal finale di The Walking Dead 6 e Carol potrebbe essere una di queste. I produttori potrebbero benissimo non seguire il fumetto salvando Glenn, e facendo perire sotto i colpi di Lucille proprio Carol, uno dei personaggi a cui siamo più affezionati. Abbiamo parlato proprio ieri di lei e del fatto che la sua lotta alla sopravvivenza si racchiuda nel bisogno di una vita normale. Carol è un po’ la mamma di tutti e si preoccupa per i suoi compagni di avventura ma soprattutto per Maggie che, nelle sue condizioni, non dovrebbe esporsi e stare a casa, piuttosto che essere parte integrante dell’esercito di Rick.

Anche il bacio con Tobin è stato un momento molto intenso per Carol, ed è arrivato proprio nel momento più importante della narrazione di The Walking Dead 6, perché molto dolce. Sempre EW si è occupato di scoprire cosa ne pensa Melissa McBride dell’ennesima evoluzione del personaggio. Il salto temporale (quello in cui Carl Grimes era convalescente) ha rappresentato un punto importante di svolta, la nostra Carol ha avuto modo per conoscere meglio alcuni degli abitanti di Alexandria, tra cui Tobin appunto. Il loro avvicinamento è stato molto naturale ed essere compresa ha fatto scattare quella che per noi è “la molla”, mentre lei si chiede perché fa quelle cose ecco che Tobin ha la risposta giusta.


Informazioni su Flavia Montanaro 1061 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi