The Walking Dead 6: la mano di Rick non verrà amputata, parola di Gimple

Non riusciamo a metabolizzare quanto accaduto nella puntata di The Walking Dead 6 di lunedì sera, forse perché non ci aspettavamo un colpo di scena simile. Prima di tornare a parlare di Glenn vogliamo approfondire la questione “mano” di Rick. Come sappiamo il nostro sceriffo Grimes nel fumetto perde la mano a causa del Governatore però abbiamo abbondantemente superato quella vicenda, inoltre non sempre gli avvenimenti cartacei trovano spazio nello show e la storia della mano è una di queste. Lo showrunner Scott M. Gimple a TV Line ha dichiarato che la mano di Rick non verrà amputata, nelle prossime puntate lo vedremo con una benda, ma con un po’ di pomata guarirà.

Già in passato Andrew Lincoln aveva spinto la produzione a fargli perdere la mano, proprio come nel fumetto, ma il responsabile degli effetti speciali ha fatto presente che l’operazione aveva un costo esagerato. Probabilmente la questione della mano di Rick verrà affrontata quando lo show arriverà ad un punto morto, ora è il destino di Glenn che tiene impegnati tutti i fan di The Walking Dead 6. Qualcuno di voi ha visto Glenn morto? No. Quindi potrebbe essere ancora vivo, sotto al cassonetto. Più passano i giorni, più ci rendiamo conto di quanto sia assurdo continuare a sostenere che Glenn si possa salvare, anche se in rete continua a circolare con insistenza la teoria che si sia trattato di un’allucinazione.

Questa non è la prima volta che crediamo che un personaggio sia morto, ricordate Carol? Forse allora eravamo meno coinvolti emotivamente e ci eravamo quasi rassegnati alla sua morte, dopo due puntate però è tornata. In The Walking Dead 6 avremo sicuramente molte perdite importanti, sarebbe da stupidi pensare che tutti si salveranno, però speriamo di rivedere Glenn ancora un’ultima volta.


Informazioni su Flavia Montanaro 1180 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi