The Walking Dead 6: un tuffo nel passato

The walking dead 6

In questo momento vorremmo fare un tuffo in piscina, però abbiamo ripensato al tuffo nel passato che ci sarà in The Walking Dead 6. Tra le varie anticipazioni annunciate ai microfoni del Comic-Con di San Diego quella del flashback ha colpito particolarmente la nostra attenzione perché siamo curiosi di scoprire fin dove si spingeranno i produttori. Se non avessero già dichiarato che non ci saranno “contaminazioni” tra lo spin off e la serie principale, avremmo potuto facilmente immaginare che il salto nel tempo ci avrebbe portati alla “Fear” Los Angeles.

Vi confessiamo che alcuni giorni vorremmo lanciare tutti i fogli in aria, perché non è giusto questo atteggiamento dei produttori che si divertono a lanciare bocconcini di spoiler. Noi fan di The Walking Dead 6 siamo dei famelici walker, il virus si è impossessato del nostro corpo e i giorni che ci separano da domenica 11 ottobre sono davvero tanti.

Come già sapete lo showrunner Scott M. Gimple ha accennato che parte della narrazione di The Walking Dead 6 sarà dedicata ad eventi passati che sveleranno molti retroscena. Purtroppo non scopriremo l’origine del virus (probabilmente non accadrà mai) però potremmo conoscere finalmente le origini di Alexandria, la nuova safe zone (poco safe), e le storie di alcuni dei suoi misteriosi abitanti. Qualche mese fa vi abbiamo parlato di Enid, la nuova amica di Carl, da dove viene la misteriosa ragazzina? Un’altra teoria abbastanza valida è quella che riguarda Morgan. Che fine aveva fatto? E soprattutto, in un mondo infestato dai walker, come ha fatto a rimanere in vita? Troppi dubbi in questo martedì di luglio e nemmeno i siti stranieri ci vengono incontro. Le ultime news della AMC riguardano gli zombie che hanno un aspetto molto più disgustoso. Il corpo di chi è stato infettato è in avanzato stato di decomposizione: guardate The Walking Dead 6 non mangiati!


Informazioni su Flavia Montanaro 1120 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi