The Walking Dead 7: Greg Nicotero contro la censura

I produttori di The Walking Dead 7 sono stati chiamati ad esprimere un parere sulla censura. La loro risposta non è piaciuta. Hanno sottolineato che le scelte sono funzionali alla narrazione, secondo noi però potrebbero esserci degli accordi con la AMC, cose che non verranno mai rese pubbliche ovviamente. Però vogliamo provare a fidarci anche perché ci sono alcune scene che non sono state censurate, anzi. Ricordate la brutale esecuzione di Abraham e Glenn? Proprio su questo punto è intervenuto Greg Nicotero, considerato il maestro degli effetti speciali. Anche se il primo episodio di The Walking Dead 7 è stato molto violento, non poteva fare diversamente.

Il mondo in cui vivono adesso i sopravvissuti è brutale e non si sono fermati davanti a nulla, sapevano che una fetta di pubblico non avrebbe gradito ma non si fermeranno mai perché vogliono portare in primo piano la violenza degli esseri umani. Andrew Lincoln e Norman Reedus hanno già annunciato che la seconda parte di The Walking Dead 7 non sarà leggera ma Gale Anne Hurd ha valutato attentamente i feedback dei telespettatori e ha fatto sapere che ha preferito non esagerare troppo con le scene violente che potrebbero disturbare. In futuro non sappiamo cosa ci aspetta perché le emozioni (sia positive che negative) seguono appunto lo sviluppo della trama.

Lo showrunner Scott M. Gimple ha precisato che nella premiere la violenza era necessaria per segnare l’inizio di una nuova storia, volevano solo traumatizzare i sopravvissuti per renderli “docili” e assoggettarli al volere di Negan. È dopo aver letto questi pareri che nella nostra piccola testolina di walker si sono insinuati molti sospetti, fra questi la scelta di abbassare i toni. L’introduzione della violenza potrebbe essere stato un modo per testare le reazioni dei fan ma l’esperimento è miseramente fallito visto che dopo un inizio sconvolgente The Walking Dead 7 ha rasentato la noia in alcuni episodi. Noi siamo sempre più curiosi di vedere cosa succederà e quali logiche narrative caratterizzeranno la seconda metà di stagione. E voi?


Informazioni su Flavia Montanaro 1279 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi