The Walking Dead 7: recensione episodio 7×02 ‘The Well’

Abbiamo letto i commenti che avete lasciato ieri sulla nostra pagina Facebook e per molti di voi l’episodio è stato noioso. Dopo un inizio di stagione così non potevamo che aspettarci una puntata di The Walking Dead dai toni più pacati. Ci stavamo chiedendo che fine avessero fatto Carol e Morgan ed eccoli qui, nel Regno. La presentazione di questa nuova comunità è stata molto interessante, aprire gli occhi su una nuova porzione di mondo che resiste all’apocalisse zombie ci ha sempre affascinati perché scrutiamo ogni dettaglio alla ricerca dell’inganno, proprio come la nostra Carol. Ma andiamo con calma altrimenti rischiamo di perderci.

Il nuovo episodio di The Walking Dead 7 si apre con i due sopravvissuti scortati da alcuni uomini che indossano delle armature. Carol non sta bene, è stata ferita ed è febbricitante, mentre si incamminano vengono attaccati dai walker ma le ha delle allucinazioni ed è convinta che siano umani e fugge via. Per fortuna Morgan e gli altri riescono a raggiungerla e a portarla in salvo. Dopo un paio di giorni si risveglia in un letto, Morgan è rimasto accanto a lei per vegliarla. L’immagine che abbiamo scelto per la nostra recensione è emblematica, per quanto scritto sul muro: Hope is the North Star, Let it guide you”. Non è una citazione di un personaggio famoso, secondo noi è stato Re Ezechiele a farla scrivere le iniziali sono K ed E (King Ezekiel). Nei prossimi giorni approfondiremo questa questione, intanto proseguiamo con il viaggio alla scoperta della comunità e dei suoi abitanti.

Il Regno è simile ad Alexandria, ci sono le mura e le guardie, ma gli abitanti sono molto diversi perché hanno uno spirito comunitario molto più avanzato e soprattutto i soldati sono ben armati. Come è possibile che sia sorta una comunità che sembra il paese delle meraviglie? Carol è scettica perché fuori da quelle mura c’è desolazione, devastazione, ma ecco che ad un certo punto lei e Morgan arrivano nei pressi di un vecchio teatro che ha un palcoscenico dove è seduto Re Ezechiele, accompagnato da Shiva e circondato dai suoi soldati.

Il leader della comunità si presenta e dice a Carol che può rimanere nel Regno dove sarà curata, ma appena starà meglio dovrà ricambiare il favore contribuendo con il suo lavoro. Carol accetta ma Shiva continua a ringhiare minacciosamente, ha capito che la sopravvissuta sta mentendo e ha altri piani. Intanto Morgan viene notato per le sue doti da guerriero e Re Ezechiele gli chiede di addestrare Benjamin un giovane poco esperto. Purtroppo ben presto si scopre perché il Regno non è ancora stato attaccato, Re Ezechiele paga un tributo ai Salvatori per salvare la comunità e gli incontri avvengono fuori dalle mura. Il leader e Morgan sono piuttosto simili perché preferiscono evitare di uccidere le persone. Ricordate i maiali zombie del trailer? In realtà quei maiali avevano mangiato degli zombie e sono il tributo che Re Ezechiele ha pagato ai Salvatori. Ma secondo voi, se mangeranno quella carne non si ammaleranno?

Il piano di Carol di fuggire via fallirà miseramente perché il Re Ezechiele e Jerry la scopriranno. Questa parte dell’episodio di The Walking Dead 7 ci è piaciuta molto perché abbiamo conosciuto il nuovo personaggio. Il leader del Regno dice a Carol che capisce benissimo come si sente e racconta che prima dell’apocalisse zombie era il guardiano di uno zoo e ha salvato Shiva. Il paese del balocchi che ha costruito per gli abitanti è un luogo di speranza. Carol dopo aver ascoltato la sua storia è sempre più convinta di voler andare via ma riescono a raggiungere un accordo. Il mattino seguente Re Ezechiele si presenta alla sua porta accompagnato da Shiva e offre a Carol un melograno. Peccato che non c’era un forno, altrimenti la nostra Carol avrebbe sicuramente preparato dei nuovi biscotti!


Informazioni su Flavia Montanaro 1120 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi