The Walking Dead 8×11, recensione “Morti o vivi”

L’episodio 8×11 di The Walking Dead “Dead or alive” è stato catastrofico e non certo per il numero di vittime perché abbiamo assistito alla messa in scena di tutti i problemi che fanno allontanare i telespettatori dallo show AMC. Alla fine della puntata eravamo più morti che vivi, ma è sempre viva la speranza che le cose possano migliorare. C’è anche un’altra certezza e cioè che il personaggio di Padre Gabriel è il peggiore di qualsiasi serie tv e non riusciamo davvero a capire perché gli autori si ostinino a dedicargli spazio in The Walking Dead.

Grazie alla complicità di Eugene diretto ad Hilltop con il dottor Carson, Padre Gabriel riesce a fuggire da Negan. I siparietti durante il tragitto sono alquanto ridicoli e il tutto è stato reso ancora peggiore dalle inquadrature pessime. Forse potrebbero concentrarsi su meno episodi a serie ma ben costruiti e soprattutto non inconcludenti. Ci devono essere gli episodi di transizione ma ormai i fan sono stanchi di questi giochetti. Tuttavia la situazione non è migliore altrove, anche Daryl, Tara e Rosita sono diretti verso Hilltop con Dwight. Dixon non ha mai dimenticato il furto della balestra e continua a guardare in cagnesco l’ex braccio destro di Negan anche se prova a conviverci perché sa che lui conosce molto bene il nemico. Tara invece non è d’accordo e prova persino ad ucciderlo, La sfuriata di Daryl è epocale, come dargli torto visto che il gruppo affronta una fase difficile e deve attraversare una palude piena di walkers.

La palude stava per risvegliarci dal sonno in cui eravamo sprofondati perché ci aspettavamo qualche momento di tensione. Ancora una volta però The Walking Dead ci mostra le difficoltà di sopravvivere nell’apocalisse zombie, Maggie infatti deve decidere se accogliere o respingere i Salvatori presti in ostaggio. E solo Negan sul finale ha risollevato le sorti di “Dead or alive” mentre descriveva una nuova strategia per distruggere Rick e i suoi alleati.


Informazioni su Flavia Montanaro 1279 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi