The Walking Dead 9×12, recensione “The Guardians”

the walking dead 9x12 recensione

Ecco la recensione di The Walking Dead 9×12. “Guardians” è un episodio che tra alti e bassi conferma che l’apocalisse zombie nella quale è piombato il mondo da 9 anni, può continuare ad evolversi e, per dirla banalmente, che al peggio non c’è mai fine. Ormai abbiamo imparato che i veri morti viventi non sono gli zombie, ma gli esseri umani disperati. L’arrivo dei Sussurratori, ancora una volta, ha rimescolato le carte in tavola perché sono degli esseri ibridi, indossano le maschere dei non morti per confondersi tra di loro, non hanno un briciolo di umanità e non sono civilizzati.

La visione del mondo di Alpha e l’arrivo di Beta

Lydia è l’unica dei Sussurratori per cui possiamo provare empatia proprio come Daryl ed Henry. La madre è una donna cinica e sadica che l’ha maltrattata per educarla alla sopravvivenza. Con “Guardians” siamo entrati nella numerosissima comunità dei Sussurratori, Samantha Morton è eccezionale nel ruolo di Alpha: sguardo vitreo, interpretazione impeccabile. Ogni volta che Alpha appare sullo schermo restiamo pietrificati. La visione del mondo della leader dei Sussurratori è chiara, forse troppo: non si può vivere come prima, perché nulla è come prima. La cooperazione, la convivenza pacifica e la civilizzazione sono solo utopie impossibili. Alpha è un nemico terribile perché oltre al realismo pragmatico ha un’indole crudele. In “Guardians” si parla anche di Beta, un uomo devoto ad Alpha e violento, il braccio destro ideale.

Negan è cambiato?

Nell’episodio c’è stato anche spazio per il triangolo amoroso di Alexandria: Padre Gabriel, Rosita e Siddiq. Ogni tanto i produttori ci regalano queste deviazioni. Per fortuna ad Alexandria c’è anche Michonne, la cui leadership viene messa in dubbio quando pone il veto per il commercio con il Regno. Un dilemma squisitamente socio-politico: chiudersi per il bene della comunità o rischiare per aiutare gli altri? Ma questo non è l’unico problema per Michonne che viene spiazzata anche dal confronto con Judith che ammette di aver parlato spesso con Negan. Il villain ha un debole per i figli di Rick Grimes con cui riesce a parlare. Judith sostiene che sia cambiato, Michonne sembra d’accordo e forse concederà a Negan una chance.


Informazioni su Flavia Montanaro 1279 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi