Zombie Walk a Venezia

zombie

Si è svolta in questi giorni a Venezia la seconda edizione dell’evento “Zombie Walk Venezia”, una sfilata per le vie della città lagunare con personaggi ispirati al mondo degli zombie. L’evento è stato curato da Venice Metal Events con il patrocinio del Comune di Venezia e anche l’approvazione della Fox, casa produttrice della serie tv The Walking Dead.

Per le strade è stato possibile incontrare gli zombie ma anche i cacciatori di questi mostri, per un totale di circa 200 partecipanti. Zombie ricoperti di sangue, in decomposizione, con teste decapitate sotto braccio oppure catturati e gettati in gabbie per garantire la sicurezza. Tutti grazie ai cacciatori, che hanno svolto bene la loro parte cercando di eliminare gli zombie e di non soccombere al loro potere, come accade in pratica in The Walking Dead, solo che qui tutto si è visto, per chi ha assistito, dal vivo.

Tra le regole di quest’anno, oltre quella di non entrare nei negozi, quella di non spaventare i bambini. Una regola quanto mai assurda per due ragioni: come fa uno zombie a non spaventare dei bambini? Anche solo la vista di questi esseri, anche sapendo che sono persone mascherate, fa venire paura persino ai grandi. Secondo: ai bambini i mostri piacciono, ne sono affascinati, per cui casomai avranno tentato di avvicinarsi il più possibile per vederli meglio.

Il corteo si è svolto tra Strada Nuova fino a Campo Santi Apostoli, dove si è svolta la battaglia tra zombie e cacciatori, uno dei momenti più attesi dal pubblico, infine al Ponte della Costituzione e festa in uno dei locali della città.

Anche quest’anno insomma gli zombie hanno invaso Venezia, per la gioia di tutti gli appassionati del genere e di The Walking Dead. Appuntamento, si spera, al prossimo anno con altri travestimenti e battaglie per le calli di Venezia.


Informazioni su Flavia Montanaro 1163 Articoli
Classe 1985. Appassionata di serie tv. Web editor per una serie di fortunate coincidenze. "Noi non uccidiamo mai chi è vivo". [Rick Grimes]

Commenta per primo

Rispondi